SANITÀ: FONDAMENTALE RICONOSCERE FIBROMIALGIA MALATTIA CRONICA

Riconoscere la fibromialgia come una malattia cronica invalidante renderebbe giustizia ai tanti malati che da anni si vedono negare i propri diritti. Nel corso del tempo, infatti, benché le statistiche la indichino al secondo o terzo posto tra le malattie reumatiche più diffuse e nonostante le diverse interrogazioni alla Camera dei Deputati ed i quattro Disegni di Legge presentati al Senato, tra cui l'approvazione all'unanimità, nel novembre 2017, da parte dei membri della Commissione Affari Sociali della Camera, per l'inclusione della fibromialgia nell'elenco delle malattie croniche, nulla è stato fatto. E non sono bastate nemmeno le iniziative parlamentari bipartisan, come l'interrogazione da parte di Forza Italia al Ministro della Salute, Giulia Grillo, per far inserire la fibromialgia nell'elenco delle malattie che rientrano nei livelli essenziali di assistenza. Lo Stato deve autorizzare le ASL a tutelare e curare i pazienti vittime. È arrivato il momento che le malattie cosiddette “rare”, ma che oggi colpiscono un numero sempre più alto di persone, vengano prese in considerazione dal nostro sistema sanitario che troppo spesso emargina ed isola chi, suo malgrado, ci si rivolge.

Barbara La Rosa

Ufficio Stampa

Leonardo Ciccopiedi

Candidato alle Elezioni Europee

Circoscrizione Meridionale

344 2815807

IMG_5718.JPG